Cinema

Non solo Rush: i 5 film più belli sull'automobilismo

In attesa della pellicola sul leggendario duello tra i piloti di Formula 1 Lauda e Hunt, rispolveriamo cinque titoli indimenticabili su corse, sfide senza fiato, carambole spettacolari

Grand Prix

Yves Montand in "Grand Prix" – Credits: Mondadori Portfolio / The Kobal Collection / MGM

Il 19 settembre arriverà nelle sale italiane Rush, film dal sapore epico che ricostruisce le intense sfide sulle piste di Formula 1 degli anni '70 tra Niki Lauda e James Hunt, due piloti temerari quanto intimamente diversi, introverso e totalmente dedito alla professione l'uno, estroverso e donnaiolo l'altro.

In attesa di questo lungometraggio diretto da Ron Howard che promette emozioni, agli amanti dell'automobilismo, orfani fino al 25 agosto del campionato mondiale di F1, proponiamo cinque titoli da gustare. Tra corse, asfalto bruciato, pedali pigiati e sorpassi, grandi piloti e grandi uomini.

1) Grand Prix (1966)

Diretto da John Frankenheimer, il regista statunitense già autore del successo L'uomo di Alcatraz (1962), ha vinto tre Oscar tecnici (e per un film su corse automobilistiche sono indicativi): migliori montaggio, sonoro e montaggio sonoro. Le scene al volante abbagliano, tanto che a distanza di più di quattro decadi Grand Prix resta forse il migliore film di sempre sulle corse d'auto professionali. Girato con cineprese on-board sulle vetture, con tecniche rilevanti per l'epoca, la trama segue il destino di quattro piloti di Formula 1: il francese Jean-Pierre Sarti (Ferrari) (interpretato da Yves Montand), già due volte campione del mondo e quasi alla fine della sua carriera, l'americano Pete Aron (ex Ferrari, quindi BRM e infine Yamura Motors) (interpretato da James Garner), l'inglese Scott Stoddard (BRM) (interpretato da Brian Bedford) che sta recuperando da un brutto incidente, il promettente italiano Nino Barlini (Ferrari), numero 2 di Sarti e già campione del mondo di motociclismo.
La produzione del film ha avuto la collaborazione delle principali scuderie di Formula 1, in particolare della BRM, della Ferrari e della McLaren.

 

2) Senna (2010)

Il documentario di Asif Kapadia, regista inglese di origini indiane, ripercorre in ordine cronologico tutta la carriera del pilota brasiliano Ayrton Senna, morto dopo un incidente al Gran Premio di San Marino 1994. Vincitore del BAFTA 2012 come miglior doc (e di un BAFTA per il montaggio), anche per lo spettatore non appassionato di corse il film offre brividi ed emozioni strazianti. Compaiono anche immagini inedite, concesse dalla famiglia Senna.
Grazie all'abile ricostruzione di Kapadia, Ayrton emerge in tutta la sua figura complessa, carismatica e affascinante.

 

3) La grande corsa (1965)

Non solo drammaticità epica. E con Blake Edwards non può essere diversamente. L'autore di commedie sofisticate e leggendarie ci consegna situazioni divertenti e comiche attorno a una gara automobilistica di 22000 miglia da New York verso ovest fino a Parigi. Jack Lemmon interpreta il diabolico Professor Fate, a cui piace giocare sporco, coaudiuvato dall'aiutante Carmelo (Peter Falk). Tony Curtis è il Grande Leslie, il solo concorrente che riesce a scampare ai trabocchetti di Fate. Nel suo equipaggio c'è anche Maggie DuBois, giornalista e suffragetta intepretata da Natalie Wood.
Il film ha ispirato lo spassoso cartone animato Wacky Races - Le corse pazze di Hanna-Barbera.

 

4) Le 24 Ore di Le Mans (1971)

Diretto da Lee H. Katzin, il mitico Steve McQueen è un pilota alle prese con il circuito francese di Le Mans. Il film è ambientato durante la celebre 24 ore del 1970. Per l'occasione vennero installate alcune cineprese su una Porsche 908 regolarmente iscritta alla corsa di quell'anno. La trama e i dialoghi sono ridotti al minimo ma chi ama le corse sarà appagato da riprese eccellenti dal taglio documentaristico, tra incidenti spettacolari e ralenty sulle vetture in gara. Un vero e proprio poema visivo sulle auto in movimento.

 

5) Giorni di tuono (1990)

Non è certo uno dei film migliori di Tony Scott, il regista di Top Gun, ma ha il merito ricostruire il vincente duetto con Tom Cruise, a cui va aggiunta la presenza di Nicole Kidman, per una pellicola di puro intrattenimento. Cruise è Cole Trickle, talentuoso pilota automobilistico proveniente dalle gare di prototipi, ingaggiato da una scuderia emergente della NASCAR americana. Dopo bravate e incidenti, il primo successo gli farà guadagnare la rivalità di Rowdy (Michael Rooker). Un incidente gravissimo finirà per coinvolgerli entrambi. E proprio in ospedale Tom conoscerà Nicole, all'insegna di una scontata congiuzione tra spericolatezza e romanticismo.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti