Uncategorized

Ann Romney: the woman in red

PICK&CHIC – Prove da first lady in casa Romney? Diciamo che la dolce Ann (Romney) con quel discorso strappalacrime alla convention di Tampa ha sicuramente dato una mano al testa a testa tra Mitt Romney e Obama, degno del …Leggi tutto

medium_120830-024037_to290812est_9163-1024x601.jpg

PICK&CHIC – Prove da first lady in casa Romney? Diciamo che la dolce Ann (Romney) con quel discorso strappalacrime alla convention di Tampa ha sicuramente dato una mano al testa a testa tra Mitt Romney e Obama, degno del miglior reality tv. Ann ha dipinto un mister Romney nuovo, “umano” e non come il privilegiato e antipatico figlio di un governatore del Michigan, e businessman senza scrupoli che dei problemi della working America ne sa ben poco (eh già, il caro Mitt non godeva di particolare simpatia a inizio campagna elettorale). Le parole dell’aspirante first lady sono state riprese da tutto il globo: «Non voglio parlare di politica, ma di amore. Potete fidarvi di Mitt. Non fallirà». E se non fosse stato abbastanza chiaro la biodissima Ann ha ribadito il concetto anche via Twitter: «Ho scelto di stare a casa e crescere cinque bambini. Credetemi, è un duro lavoro». Se alla Casa Bianca arriverà suo marito, il merito sarà soprattutto di questa donna. Perché Ann Davies Romney riesce a mostrare il lato soft del vescovo mormone della diocesi di Boston, erede di una famiglia di grandi politici ma anche uomo d’affari di rara e fredda determinazione. Non è certo passato inosservato, poi, il look della signora Romney, che ha puntato su un total red dress in perfetta combinazione cromatica con il fondale blu e bianco del palco, così da riprendere i colori della sempre presente bandiera degli Stati Uniti. A quanto pare l’abito è una creazione di Oscar de la Renta, in seta taffeta, con gonna bombata anni 50 e una preziosa cintura che ben si sposava col sorriso scintillante di Ann, contornato da un rossetto altrettanto scarlatto…
Dal Fashionista a The Cut ci si chiede: «did Ann Romney’s Dress Have Anti-Obama Subtext»? I primi confronti con Michelle sono iniziati, era inevitabile (anzi non aspettavamo altro!). Ann, la classica moglie americana con camicie di tutte le fogge o con completini colorati (direi a volte troppo teen) nei toni del giallo e del rosa barbie, questa volta ha davvero dato una stoccata (di stile) a Michelle Obama, che in questi anni ha mostrato un decisivo cambio fashion del suo guardaroba basic di inizio soggiorno alla Casa Bianca.
«È stata molto brava durante il discorso a cuore aperto pro-Mitt», spiega Katherine Jellison, ordinaria di storia all’Università dell’Ohio specializzata nel ruolo delle donne nella vita pubblica americana, che avvicina la figura di Ann Romney a quella di Barbara Bush. Che sia un segno premonitore? Ne vedremo delle belle, almeno stilisticamente parlando.

© Riproduzione Riservata

Commenti