Comunicare il verbo della coppia

Comunicare il verbo della coppia Gli uomini sono tutti fantastici nei primi tempi di una relazione, almeno per i primi anni. Poi un meccanismo sconosciuto lentamente porta a non capirsi. Vediamo perché? Quando si presentano per farsi conoscere mostrano ogni …Leggi tutto

Comunicare il verbo della coppia Gli uomini sono tutti fantastici nei primi tempi di una relazione, almeno per i primi anni. Poi un meccanismo sconosciuto lentamente porta a non capirsi. Vediamo perché? Quando si presentano per farsi conoscere mostrano ogni loro abilità, ogni gioco di seduzione. Il tuo corpo con il suo si parlano senza parole, si cercano, comunicano alla perfezione. E’ uno stato di grazia. Queste straordinarie emozioni, si possono trasformare in sentimenti, ma la parola “per sempre” sembra diventare tra le coppie più rara, perché non esiste la disponibilità a capirsi. A mettersi in gioco, a soffrire per ottenere, ad aspettare i momenti sbagliati dell’altro e ad imparare a contenerli.

Ora che le separazioni sono facili come bere un caffè, le trasgressioni fanno parte della “ normalità”, ora che la coppia è impura, si sente la necessità di fermarsi e di ritrovare degli antichi valori, di provare a condividere per ritrovare la coppia sana. Il problema inizia con la mancanza di comunicazione. Fatevi la domanda che cosa voglio comunicare esattamente a lui o lei? Noi siamo stati formulati per vivere in uno stato di profonda comunione con noi stessi e con gli altri, ma le “cattive abitudini” comunicative possono ostacolare il libero manifestarsi di quei sentimenti ed alchimie iniziali di pienezza, gioia che ci sono connaturati.

Le relazioni interpersonali amorose se non sono illuminate dalla razionalità e dall’uso consapevole di efficaci abilità comunicative rischiano di “ rompersi” o morire. Solo comunicando si può cercare di far capire al tuo partner il tuo mondo interiore, solo rendendolo partecipe, il trasporto può durare per sempre. Senza questo scambio, le tue gioie rimarrebbero senza risonanza, i tuoi dolori e le tue incomprensioni con lui-lei diventerebbero un fardello insopportabile. Quando una comunicazione diventa deviata dalla rabbia o dai malintesi, bisognerebbe potersi fermare, respirare, riflettere e ricominciare sperando che lui-lei possa capire il tuo approccio e il tuo desiderio di apertura e dialogo. Le persone insicure non parlano mai di se stesse perché hanno troppi dubbi.

Forzarli a parlare a volte è una violenza, imparare a raccogliere i loro momenti e ad entrare in empatia è un lavoro, solo l’amore “ autentico” , puro, incondizionato, ti porta ad avere la massima tolleranza, a soffrire, ma a volte a riuscire a trasformare il bozzolo in crisalide.

In psicologia ci sono dei segreti, non sempre facili da seguire, ma proviamo a metterli a fuoco:

1. PROVA A STABILIRE “ UN CODICE DI COMUNICAZIONE” : Attenzione, se sei abituato a gridare per farti sentire o perché vuoi avere ragione, anche la tua partner per spiegarti le cose può provare a tirare fuori la sua aggressività, per contrastare la sua imponenza nel farsi ascoltare. Se vuoi che il tuo partner con te abbia un tono dolce e sereno, inizia tu ad averlo, qualunque cosa tu le o gli possa domandare. Comunicare senza gridare o alzare la voce, è un valore. Prova a controllarlo per essere migliore. Rafforza l’autostima. Coopera alla gestione costruttiva dei conflitti.

2. COMUNICA AMORE : Un uomo o una donna si sentono amati non perché tu glielo dici o scrivi “ ti amo”, ma perché glielo comunichi, ogni giorno con i gesti. Un linguaggio trasmette amore, quando riesci a partecipare alla sua vita, anche fisicamente. Quando l’aiuti, quando provi a capire le sue esigenze. Fatti delle buone domande, che sono il motore del pensiero. Se la vedi non appagata-o dai tuoi comportamenti e la ami davvero, vai alla ricerca di un cambiamento di comunicazione dentro di te e affrontala-o in modo positivo .

3 . METTITI IN ASCOLTO: Per evitare fallimenti comunicativi ascolta in modo attivo. Ascolta le risorse del tuo partner. Anche quando non vi capite e sembra tutto difficile senti anche la sua rabbia, il suo dolore, il suo disagio e rielabora le sue frasi e prova a ricostruire i suoi lamenti per capire cosa ti vuole veramente dire, anche se ha usato parole diverse o contrarie a quelle che volevi sentire. La rabbia fa dire cose che bisogna chiarire con serenità. Gestisci in modo costruttivo i conflitti. Dopo aver litigato, fattela passare subito. Abbracciala-o, lei o lui sono troppo importanti per te e la rabbia è un sentimento che se sei maturo-a deve essere gestito nell’immediato. Le persone adulte e consapevoli vanno oltre immediatamente. Solo i bambini e gli adulti irrisolti tengono il broncio e sono ostinati per parecchio tempo. Tutti i libri di filosofia e di psicologia rilevano i capitoli di uomini irrisolti e iracondi perché non hanno impararto a superare e si ritrovano sempre soli con la rabbia che li consuma. Comunicare vuol dire imparare a crescere in modo costruttivo e a contenere la propria rabbia e conflitto e a gestire quella del partner.

4. FORMULA BUONE DOMANDE: Tutte le domande possono essere efficaci, anche le più provocatorie, purchè dettate da un sentimento o che vogliono arrivare a far capire all’altro qualcosa, nella speranza sia ricettivo. Falle capire che siete interessate-i alla sua opinione sull’argomento, anche il più banale è lecito. Può succedere che la si pensi in modo opposto o che le cose non collimino. Non preoccupatevi le divergenze vanno accettate. Per fortuna non siamo tutti uguali. Nella vita non possiamo cogliere fiori che non abbiamo seminato e certe piante sono dure a crescere . Non possiamo neppure pretendere di seminare e di raccogliere il frutto il giorno dopo. Dunque una buona comunicazione con il partner non la si raggiunge in poco tempo, ci vuole applicazione, tolleranza, contenimento, mettersi in gioco e capire quando si sbaglia, non riversare sugli altri i propri sbagli, cercando per sé delle attenuanti o giustificazioni. Solo piantando i semi della buona comunicazione nel fertile suolo dell’amore, si aggiunge luce solare di nuove ed efficaci competenze comunicative e acqua rinfrescante di attitudini e proposizioni positive entrando in empatia con l’altro-a. Si richiede sempre un tempo per estirpare le erbacce, gli errori, i disagi creati all’altra-o ,affinché la pianta cresca con una nuova ottica. COMUNICARE il verbo della coppia.

Vi sottolineo: il 6 ottobre a Riccione Congresso SIU, Società italiana di urologia (andrologi, sessuologi, sociologi per parlare di come stare bene insieme). Aperto al pubblico con la serata dedicata ai segreti del maschio, allo stare in coppia, al benessere e qualità della vita. Attraverso la serata “secret party” nuove occasioni per comunicare.

© Riproduzione Riservata

Commenti