CI SONO ANCHE CORSE PER LA SALUTE

Siamo in un mondo di corsa. Un mondo che se non hai delle scarpe che riescono a farti fare molti chilometri per realizzarti, rimani indietro. Un mondo che lascia poco spazio dove dedicarsi a se stessi. Noi che viviamo nelle grandi città, ci confrontiamo ogni giorno. Una sorta di sopravvivenza della specie.

Dopo aver studiato tanto, lavorato tanto, accumulato esperienza, vorresti essere solidale con i giovani. Mentre si assiste ad una “campagna di egoismi“, di non valori, di maleducazione. Vorresti poter trasferire quello che altri in qualche modo ti hanno insegnato. Vorresti essere capace di dare.

Invece il mondo si è trasformato, purtroppo in peggio: “Life is like a Junge”; Darwin ci ha insegnato che il mondo e la specie lotta per sopravvivere e vince chi non si distrae e sa proteggersi. Non per forza il migliore, ma chi ha saputo trovare il proprio equilibrio, tirando fuori il meglio di sé.

Alla porta del mio ufficio bussano persone che cercano lavoro, determinati, capaci, ma che per ordine aziendale vengono liquidati, come se il loro lavoro non contasse, come se le aziende non fossero arrivate fino a lì, anche grazie alla loro preparazione, al loro modo di stare in team.

Vengono lasciate a casa, magari anche con delle liquidazioni importanti, ma estromesse da un sistema. Si devono ricreare una vita, perché sono ancora giovani per andare in pensione, ma sono superati a volte da giovani con pessime ambizioni e cinici, perché il loro costo per l’azienda è inferiore. Due giovani per un senior, talvolta anche tre.

E’ un conto non in asse che destabilizza un sistema. Ormai questa jungla del lavoro è spietata . Una realtà che non aggrega le generazioni e pone dei conflitti. Una realtà che non permette di costruire, di crescere e pone delle condizioni, non sempre corrette.

Ecco che solo la corsa porta a dei traguardi. Ma deve essere una corsa leale, se si vuole star bene con sé stessi e gli altri. Per fortuna ci sono corse anche sane o che inneggiano a principi di prevenzione o salute. Ci sono corse dedicate al far del bene, all’aggregazione.

Come l’Advantix running di Bayer che quest’anno parte dal Parco Sempione il 17 maggio a Milano, dove si corre per gli amici animali oppure My skincheck for runners, dove si sposano i valori dello sport, a Roma dal 19 al 21 marzo presso piazzale Kennedy 1 e a Milano dal 10 all’11 aprile in via Melchiorre Gioia 37, dove la Roche-Posay si impegna all’educazione di una corretta esposizione al sole, per prevenire i melanomi.

Per una volta insieme di corsa per la salute o con gli amici a quattro zampe e non per pestarsi le scarpe in un ufficio.

© Riproduzione Riservata

Commenti