Uncategorized

Golden Globe 2013: ecco i vincitori

Nottetempo, tra le due e le cinque del mattino, s’è tenuta la prestigiosa serata dei Golden Globe. Le nostre due eroine comiche preferite, Tina Fey e Amy Poehler hanno condotto la serata dal palco del Beverly Hilton Hotel a …Leggi tutto

nota-goldenglobes-1.jpg

Nottetempo, tra le due e le cinque del mattino, s’è tenuta la prestigiosa serata dei Golden Globe. Le nostre due eroine comiche preferite, Tina Fey e Amy Poehler hanno condotto la serata dal palco del Beverly Hilton Hotel a  Beverly Hills e, al di là di tutti i premi cinematografici di cui avete forse già letto altrove, sono stati assegnati anche i premi per le nostre amate Serie TV. Fra pochissimo parte il più classico dei copia e incolla, dove potrete leggere la lunga lista di tutti coloro che hanno partecipato e vinto, ma prima permetteteci una brillantissima quanto sofisticata analisi. Fondamentalmente i Globe confermano gli Emmy. Se vi ricordate, per gli Emmy Awards 2012, abbiamo curato anche una lunga diretta radiofonica (che potete riascoltare – perché no? – cliccando forte qui) insieme agli amici Matteo Bordone, Davide Rapp e Marco Villa a casa dell’ottimo Gianluca Neri. Se andate a prendere i vincitori di quella manifestazione e li confrontate con quelli di ieri sera ai Globe, noterete solo qualche piccola differenza. Per la parte Drama vince praticamente tutto quello che c’è da vincere  il bellissimo Homeland. Per quanto riguarda invece la categoria Mini Serie o Film Tv si dividono i riconoscimenti Game Change e Hatfield & McCoys. La vera e unica differenza sta nella comedy: se gli Emmy segnarono l’ennesimo trionfo di Modern Family, i Golden Globe hanno decretato lo strapotere della nostra beniamina Lena Dunham vincitrice sia del premio come Miglior Attrice Comica, sia soprattutto del Premio Miglior Serie Comica con Girls (show, ricordiamo, da lei scritto, diretto e e interpretato). Una vittoria importante che arriva proprio nel giorno in cui la HBO comincia a trasmettere la seconda serie di Girls. Ma soprattutto un riconoscimento giusto e meritato. Modern Family ha segnato il trionfo della mock comedy, quella di The Office e Parks & Recreation, un modello ormai superato che ha già detto forse tutto quello che poteva dire. Girls è invece qualcosa di nuovo, di innovativo per la televisione americana, di fresco e inedito. Un Globe coraggioso.

70th_Golden_Globe_Awards_-_Show_-Show.JPEG-053c6.jpg

 

Miglior serie drama
Homeland (Showtime)
Breaking Bad (Amc)
Boardwalk Empire (Hbo)
Downton Abbey (Itv)
The Newsroom (Hbo)
Miglior serie comedy o musical
Girls (Hbo)
The Big Bang Theory (Cbs)
Episodes (Showtime)
Modern Family (Abc)
Smash (Nbc)
Miglior film-tv o miniserie
Game Change (Hbo)
The Girl (Hbo)
Hatfields & McCoys (History Channel)
The Hour (Bbc)
Politica Animals (Usa Network)
Miglior attore per una serie drama
Damian Lewis, per il ruolo di Nicholas Brody in “Homeland” (Showtime)
Steve Buscemi, per il ruolo di Enoch “Nucky” Thompson in “Boardwalk Empire” (Hbo)
Bryan Cranston, per il ruolo di Walter White in “Breaking Bad” (Amc)
Jeff Daniels, per il ruolo di Will McAvoy in “The Newsroom” (Hbo)
Jon Hamm, per il ruolo di Don Draper in “Mad Men” (Amc)

Miglior attrice di una serie drama
Claire Danes, per il ruolo di Carrie Mathison in “Homeland” (Showtime)
Connie Britton, per il ruolo di Rayna Jaymes in “Nashville” (Abc)
Glenn Close, per il ruolo di Patty Hewes in “Damages” (Direct Tv)
Michelle Dockery, per il ruolo di Lady Mary in “Downton Abbey” (Itv)
Julianna Margulies, per il ruolo di Alicia Florrick in “The Good Wife” (Cbs)

Miglior attore di una serie comedy o musical
Don Cheadle, per il ruolo di Marty Kaan in “House of lies” (Showtime)
Alec Baldwin, per il ruolo di Jack Donaghy in “30 Rock” (Nbc)

Louis C.K., per il ruolo di Louie in “Louie” (Fx)
Matt LeBlanc, per il ruolo di sè stesso in “Episodes” (Showtime)
Jim Parsons, per il ruolo di Sheldon Cooper in “The Big Bang Theory” (Cbs)

Miglior attrice di una serie comedy o musical
Lena Dunham, per il ruolo di Hannah Horvath in “Girls” (Hbo)
Tina Fey, per il ruolo di Liz Lemon in “30 Rock” (Nbc)
Zooey Deschanel, per il ruolo di Jess Day in “New Girl” (Fox)
Julia Louis-Dreyfus, per il ruolo di Selina Meyer in “Veep” (Hbo)
Amy Poehler, per il ruolo di Leslie Knope in “Parks and recreation” (Nbc)

Miglior attore non protagonista di una serie, film-tv o miniserie
Ed Harris, per il ruolo di John McCain in “Game Change” (Hbo)
Max Greenfield, per il ruolo di Schmidt in “New Girl” (Fox)
Danny Huston, per il ruolo di Ben “The Butcher” Diamond in “Magic City” (Starz)
Mandy Patinkin, per il ruolo di Saul Berenson in “Homeland” (Showtime)
Eric Stonestreet, per il ruolo di Cameron Tucker in “Modern Family” (Abc)

Miglior attrice non protagonista di una serie, film-tv o miniserie
Maggie Smith, per il ruolo di Lady Violet in “Downton Abbey” (Itv)
Hayden Panettiere, per il ruolo di Juliette Barnes in “Nashville” (Abc)
Archie Panjabi, per il ruolo di Kalinda Sharma in “The Good Wife” (Cbs)
Sarah Paulson, per il ruolo di Lana Winters in “American Horror Story: Asylum” (Fx)
Sofia Vergara, per il ruolo di Gloria Pritchett in “Modern Family” (Abc)

Miglior attore per un film-tv o miniserie
Kevin Costner, per il ruolo di William Anderson “Devil Anse” Hatfield in Hatfields & McCoys (History Channel)
Benedict Cumberbatch, per il ruolo di Sherlock Holmes in “Sherlock” (Bbc)
Woody Harrelson, per il ruolo di Steve Schmidt in “Game Change” (Hbo)
Toby Jones, per il ruolo di Alfred Hitchcock in “The Girl” (Hbo)
Clive Owen, per il ruolo di Ernest Hemingway in “Hemingway & Gellhorn” (Hbo)

Miglior attrice per un film-tv o miniserie
Julianne Moore per il ruolo di Sarah Palin in “Game Change” (Hbo)
Nicole Kidman, per il ruolo di Martha Gellhorn in “Hemingway & Gellhorn” (Hbo)
Jessica Lange, per il ruolo di Sister Jude in “American Horror Story: Asylum” (Fx)
Sienna Miller, per il ruolo di Tippi Hedren in “The Girl” (Hbo)
Sigourney Weaver, per il ruolo di Elaine Barrish in “Political Animals” (Usa Network)

© Riproduzione Riservata

Commenti