Uncategorized

ABBA The Museum apre il 7 maggio a Stoccolma. Per un emozionante viaggio musicale interattivo

Si sono sciolti da più di 30 anni eppure gli Abba (Björn Ulvaeus, Benny Andersson, Agnetha Fältskog e Anni-Frid Lyngstad, detta “Frida”) continuano a piacere. Anche ai più giovani, che li hanno conosciuti soprattutto grazie al film del 2008 …Leggi tutto

Abba-the-museum-1024x661.jpg

Si sono sciolti da più di 30 anni eppure gli Abba (Björn Ulvaeus, Benny Andersson, Agnetha Fältskog e Anni-Frid Lyngstad, detta “Frida”) continuano a piacere. Anche ai più giovani, che li hanno conosciuti soprattutto grazie al film del 2008 Mamma Mia!, tratto dall’omonimo musical (che, tra l’altro, detiene il record di maggior incasso nella storia del cinema). Hanno venduto una cifra che si aggira intorno ai 370 milioni di album (superati solo da Elvis Presley, Beatles e Michael Jackson). Non solo: nonostante non abbiano mai accettato di riunirsi anche solo per un concerto, come è stato loro proposto più e più volte, i loro cd continuano a vendere al ritmo di due o tre milioni all’anno.
Insomma un fenomeno musicale planetario e l’orgoglio della loro nazione di origine, la Svezia, che dal 2006 sta realizzando un museo a loro interamente dedicato. Che avrebbe dovuto inaugurare nel 2009: data però continuamente rinviata, tanto che molti fan avevano perso ogni speranza. Bene, la notizia è: il 7 maggio ABBA The Museum apre a Stoccolma, sull’isola Djurgården. Non un semplice museo ma un viaggio interattivo che permette di vivere una serie di esperienze mai proposte prima. Come provare, in prima persona, l’emozione di diventare il quinto membro del gruppo salendo idealmente sul palco con loro, oppure indossare i loro leggendari costumi. O ancora, sedersi al pianoforte self-playing collegato direttamente allo studio di Benny Andersson: se si è fortunati la luce rossa lampeggia e il piano (suonato da Benny in persona) inizia a suonare.

Illustrazione della Music Hall of Fame in cui è situato Abba The Museum (Credits: Abba The Museum)

La visita al museo inizia con la visione, in una sala cinemtografica a 360°, di un film di Jonas Åkerlund dedicato ai momenti salienti della carriera del gruppo e prosegue  lungo un percorso attraverso luoghi, palcoscenici, memorabilia… Il progetto, una specie di documentario musicale, è curato dall’ex stilista degli Abba Ingmarie Halling ed è stato sviluppato con la stretta collaborazione di tutti i quattro membri del gruppo.

Se decidete di andare a Stoccolma, durante il viaggio che vi porta a destinazione, provate a mettere a palla Dancing Queen, Chiquitita, SOS, Voulez-Vouz, Super Trouper, Mamma Mia… insomma uno a caso dei loro brani. Troverete la carica e lo spirito giusto per godere al massino l’incredibile avventura interattiva proposta da ABBA The Museum (…anzi, leggete questo post con lo stesso sottofondo). I biglietti sono già disponibili sul sito del museo.

8713-008-1024x682.jpg

Abba The Museum - Interno (Credits: Åke E:son Lindman)

 

8713-005-1024x682.jpg

Abba The Museum - Interno (Credits: Åke E:son Lindman)

© Riproduzione Riservata

Commenti