Resistere agli assalti degli stro**zi dentro (e fuori) l’ufficio

Mi sembra giusto concludere la trilogia degli stronzi fuori (e dentro) l’ufficio con qualche dritta pratica su come reggere agli attacchi di questi soggetti. Come è possibile resistere ad un assalto continuo di persone che muoiono dalla voglia di esercitare …Leggi tutto

Mi sembra giusto concludere la trilogia degli stronzi fuori (e dentro) l’ufficio con qualche dritta pratica su come reggere agli attacchi di questi soggetti.

Come è possibile resistere ad un assalto continuo di persone che muoiono dalla voglia di esercitare un potere su di noi?
Ovviamente non un potere sano, si intende …

Il potere di cui stiamo parlando è quello che nuoce gravemente alla nostra salute … psicologica. E’ ovvio che all’interno di un’organizzazione ci sono persone che esercitano potere, questo fa parte del gioco. Nel momento in cui tuttavia tale potere serve come strumento di gratificazione per un solo individuo la situazione si complica. Rischiamo insomma che esso sia uno strumento di coercizione e auto gratificazione più che un mezzo per raggiungere gli obiettivi aziendali.
Come possiamo quindi immunizzarci da questi stronzi? E’ possibile resistere?

Ovviamente la risposta è si. Ma la via, ve lo dico in anticipo, non è delle più facili da percorrere!
Partiamo da un presupposto piuttosto basilare: ciascuno di noi ha delle paure e dei punti deboli . Alcuni possono essere, per così dire, standard, altri invece sono molto più soggettivi e personali.

I narcisisti spesso sono maestri nell’individuare i nostri punti deboli allo scopo di renderci inermi. Ebbene, possiamo stare tranquilli che qualsiasi confidenza o debolezza, al momento giusto, ci verrà ribaltata con maestrale capacità.
Cerchiamo di capire come funziona questo perverso meccanismo.

Se per esempio fossi un capo stronzo e uno dei miei collaboratori avesse la fissa per il prestigio e lo status, su cosa punterei per asservirlo totalmente? Sulla carriera ovviamente! Anche solo mezze allusioni o minacce velate possono avere un effetto devastante !

Facciamo adesso il caso di una donna legata alla famiglia e ai figli. Cosa potrei fare per sottometterla a mio piacimento? Potrei ventilarle la possibilità di un trasferimento in una sede a 50 Km di distanza ed il gioco è fatto! Basterebbe questo.
Se una persona ha problemi fisici potrò metterla in posizioni scomode e poco ergonomiche, se è invece legata ad attività extralavorative le metterò orari tali che le impediscono di seguire le sue passioni ed i suoi hobby. Una persona legata al denaro potrà essere manipolata levandole gli straordinari.

Gli esempi ovviamente potrebbero essere innumerevoli.

Cari amici non illudetevi e non sopravvalutatevi. Noi esseri umani siamo profondamente fragili. Una volta che fanno cascare le nostre certezza capitoliamo come pere cotte.

Spesso il timore e l’insicurezza sono leve potenti che consentono al capo o al collega stronzo di manipolarci a loro piacimento. Allora cosa possiamo fare? Dobbiamo quindi non avere punti deboli? … Se ce la fate ditemi come avete fatto!

Essere al corrente di questo meccanismo è un buon punto di partenza.

Il secondo passo è quello più complesso. Estirpare ogni punto debole è una missione impossibile. Facciamo tuttavia un check della nostra vita. Consideriamo per esempio di quante cose abbiamo paura! Quante leve offriamo a questi stronzi? Decine ! Quante di queste leve sono veramente di vitale importanza?

Non mi sto riferendo alle paure legittime legate alla sopravvivenza, come per esempio il reperire cibo o pagare il mutuo della casa. Mi sto riferendo alle paure che popolano la nostra vita e sono decisamente più futili. Molte di queste ci fanno vivere male e allo stesso tempo forniscono decine di leve che ci rendono fragili e manipolabili.

Cosa accade al narcisista che non riesce a divertirsi con noi perché non riesce a fare breccia? Inizialmente prova livelli molto alti di frustrazione. Resta il fatto che però non gli diamo occasioni di rivalsa. Non può accusarci di niente. Essere professionali e cordiali,ma allo stesso tempo risoluti e decisi è qualcosa che lo mette in uno stato di profondo disagio. Di fatto non cadiamo nella rete del ragno. Le manipolazioni come per esempio l’alternanza di comportamenti contrastanti, le allusioni velate, gli sguardi, la mancanza di considerazione ecc. non hanno il potere di rovinarci il sonno.

Quando il narcisista prende atto che i suoi giochini sono inefficaci molto spesso molla e diventa un individuo psicologicamente innocuo.

Lo ripeto fino alla nausea. Questo tipo di personalità appartengono a persone decisamente infelici perché hanno un legame decisamente morboso con gli altri. Vi immaginate che palle essere alla continua ricerca di conferme dalle altre persone?

Ho notato che in molti casi coloro che non entrano più dentro questa dinamica perversa fatta di paure e manipolazioni non sono considerati buoni “erogatori di gratificazione” per gli stronzi dentro (e fuori) l’ufficio. Il risultato sarà una sorta di migrazione che vedrà questi manipolatori andare altrove … alla ricerca di qualcun’altro su cui rifarsela.

© Riproduzione Riservata

Commenti