Uncategorized

Quinta sfumatura. Stagista goes to the party

Ieri sera sono andata a una festa “di lavoro”. Appunti mentali presi durante la serata: - Ci sono sempre il 100% delle probabilità che n>1 brufoli spuntino come funghi mezz’ora prima della festa - Non pensare al budget stanziato in …Leggi tutto

Ieri sera sono andata a una festa “di lavoro”.

Appunti mentali presi durante la serata:

- Ci sono sempre il 100% delle probabilità che n>1 brufoli spuntino come funghi mezz’ora prima della festa

- Non pensare al budget stanziato in correttore e trucchi affini per coprire (inutilmente) i suddetti brufoli

- Cerca di uscire in fretta dal dramma oddio-non-ho-niente-da-mettermi

- “E se facessi una nota spese in cui butto dentro un paio di cosucce di Zara? Tanto è lavoro, no?” (Il pensiero illuminante)

- “Sei una stagista, non puoi fare le note spese” (Il rapido e triste ritorno alla realtà del tuo guardaroba da lavoratrice precaria)

- La solitudine dell’ essere a una festa senza +1

- L’open bar (e si dimentica subito la tristezza del +1 vacante)

- Realizzare che ti stai divertendo a fare foto ai vestiti – pardon: #outfit – e per un attimo pensare: “Voglio essere una fashion blogger!” 

- “No – aspetta – è ancora l’effetto open bar

- Le instagrammate imbarazzanti e gli hashtag correlati (ancor più imbarazzanti) #insta_fashion  #insta_mi_faccio_la_foto_sul_tram  #insta_a_caso  #insta_ma_che_davvero?

- Sfiorare ed evitare la Pearl Harbor del fashion: incontrare @andreadelogu con l’abito che volevi indossare fino a un minuto prima di uscire ma poi per fortuna hai cambiato idea

- Dire questa cosa ad @andreadelogu e riderci su insieme

- Aver incontrato gente simpatica, twittare e ritwittare parecchio e divertirsi di più


© Riproduzione Riservata

Commenti