Schermata-2014-05-27-alle-10.40.19.png

Maleficent: c’era una volta il femminicidio

Mi raccontano che, quando avevo tre o quattro anni, scappai dal cinema durante la proiezione della Bella addormentata nel bosco, ovviamente all’arrivo di Malefica. Erano anni in cui nelle sale italiane davano i classici Disney degli anni ’50, laddove …

Schermata-2014-05-23-alle-10.44.48.png

Le meraviglie degli altri

Andrei Zvyagintsev vinse il Leone d’oro a Venezia undici anni fa. Il film era Il ritorno, il presidente Monicelli, in giuria c’era pure Stefano Accorsi. Secondo alcuni, i due italiani erano a capo di una cupola stile Sandra Milo …

Schermata-2014-05-21-alle-18.11.43.png

Lettera a Godard

Caro Jean-Luc Godard,

mi costituisco subito: non ti ho mai troppo amato, sono e sarò sempre mozione Truffaut. Ma certo, come si fa, è come dire che non amo Firenze o il passito di Pantelleria, che è pure vero, ma …

Schermata-2014-05-21-alle-11.13.44.png

Ryan Gosling, tutto il mondo è Dams di Bologna

Dev’esserci un Dams anche a London, Canada, o comunque dalle parti dov’è nato Ryan Gosling. E lui deve averlo frequentato, anche solo, che so, il triennio. Perché ha proprio tutto della tesina di diploma, questo Lost River con cui debutta

Schermata-2014-05-20-alle-10.47.48.png

Due giorni, una notte, e quei 1000 euro

I Dardenne hanno fatto un bel film. Un altro. Probabilmente vinceranno la Palma d’oro, la dodicesima in sette anni.

La storia è semplice come il titolo Deux jours, une nuit (Due giorni, una notte). Sandra (Marion Cotillard, che

Schermata-2014-05-19-alle-14.43.01.png

Le luci della città

Ieri si parlava di morti. Ne parla (più del previsto) pure David Cronenberg in Maps to the Stars, in Italia esce giovedì. Ci sono vecchie attrici arse vive, cani stesi da un colpo di roulette russa, bambini annegati,

Schermata-2014-05-18-alle-09.45.39.png

Cannes, weekend con i morti

Sulla porta della mia camera ci sono Serge Gainsbourg e Jane Birkin. Su quella accanto Robert Mitchum. Di fronte Fellini. Le chiamano icone, sono foto di morti – Birkin non c’entra, poverina; ma tant’è.

C’è un lugubre senso di paramenti …

Schermata-2014-04-10-alle-10.26.36.png

Wes Anderson nel paese dei fenicotteri morti

Oggi esce The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson.
Racconta del direttore di un albergo di lusso (Ralph Fiennes) nella Mitteleuropa pre-seconda guerra, dei suoi clienti danarosi, di un’accusa di omicidio da cui si deve smarcare.
Ma questo è …